x 
Carrello - 0,00 €

  • Carrello vuoto
  • Home
  • Blog_atelier
  • QUANTO INFLUISCONO I FARMACI SUI RISULTATI DEI TRATTAMENTI ESTETICI?

Home

Haimè, può capitare che nonostante numerose sedute dall’estetista, anche con macchinari all’avanguardia, non si raggiungono i risultati sperati.

Quando una cliente si rivolge al centro estetico, ha l’obiettivo di risolvere una situazione critica come lassità, atonia, cellulite, adipe, e lì noi professioniste, ci troviamo al momento della consulenza estetica, a dover molte volte mettere sul tavolo, problematiche e ostacoli che durante il protocollo di lavoro, si potrebbero incontrare. Promettere alla persona che è disposta a spendere tempo e denaro, pur di togliere i centimetri di troppo, non è cosa facile, come anche programmare un protocollo estetico efficace;, tanto dipende dal tipo di risultato che la cliente vuole ottenere, dalla sua determinazione, dalla volontà, e dal sacrificio espresso in termine economico e di tempo. Un inestetismo può comparire all’improvviso e peggiorare repentinamente nell’arco di brevissimo tempo, oppure al contrario essere presente da anni, può inoltre essere dovuto a molteplici fattori. La causa più rilevante che può esserci alla base di scarsi o lenti risultati estetici, sono i farmaci.
L’assunzione di farmaci, allo scopo di curare importanti patologie è cosa fondamentale per mantenersi in salute ma per contro diventano causa diretta della comparsa di inestetismi. I farmaci possono dare esito negativo, sia sugli effetti della cute che sul metabolismo e quindi con conseguente aumento di peso e grasso localizzato.
Antidepressivi, farmaci ormonali, farmaci legati ai problemi di tiroide, possono generare forti rallentamenti a un buon esito dei percorsi di lavoro. Alcuni di essi, per esempio la pillola anticoncezionale, causa gonfiori e ritenzione idrica e rallentamento circolatorio.
Quante volte in fase di consulenza, una delle domande più frequenti è: “Questi trattamenti, basteranno a togliermi questo grasso, o questi fianchi etc?” Un’ attentaanamnesi, serve proprio a capire questo, bisogna mettere sul tavolo tutti i vari impedimenti che ci troveremo ad incontrare. Compito della professionista è formulare tutte le domande utili per avere un quadro completo della storia di quel determinato corpo, compito dell’assistita/o è dichiarare con sincerità qualsiasi variazione importante dello stile di vita, ed essere consapevoli del fatto, che quando si parla di estetica (non chirurgia), la maggior parte dei farmaci contengono sostanze che rallentano fortemente il risultato ottimale. Un colloquio approfondito può sembrare per alcuni una perdita di tempo, è invece un momento cruciale in cui avviene uno scambio reciproco di informazioni preziose al fine di poter dare all’assistita/o, una prospettiva di risultato credibile e non false aspettative.

logo lw